pasta sugo fresco

Il sugo di pomodoro fresco è una delle preparazioni più semplici e rappresentative della cucina italiana. Parallelamente però sempre più spesso questa preparazione viene soppiantata da passate o sughi pronti in barattolo, anche durante l’estate. Personalmente ho avuto la fortuna di trascorrere gran parte della mia infanzia in campagna e assaporare il sugo di pomodoro appena fatto (oltre che imbottigliare non so quanti chili di passata, fino ad avere le dita raggrinzite 🙂 ) e, sono scontata lo so, ma che bontà! Quando ho a disposizione dei pomodori freschi quindi, non posso lasciarmi sfuggire l’occasione di preparare del buon sugo, che il più delle volte utilizzo per condire un semplice piatto di pasta. 

Prima di passare al procedimento però, e mettendo da parte il lato emotivo e nostalgico di me, vi lascio qualche accenno su quelle che sono le proprietà nutrizionali più note del pomodoro e come valorizzarle attraverso una corretta manipolazione:

Il pomodoro è un ortaggio a frutto appartenente alla famiglia delle Solanacee. Il termine ”pomodoro” potrebbe essere riconducibile al colore, tendente all’oro appunto, dei primi frutti apparsi in Europa alla fine del 1500 (divenuti poi col tempo sempre più simili a come li conosciamo oggi). I maggiori produttori mondiali di pomodori sono nell’ordine Cina, USA, Italia e Turchia; le regioni italiane in cui si concentrano le produzioni sono Emilia Romagna, Campania, Sicilia e Puglia. Le raccolte vanno solitamente dal mese di Luglio a quello di Ottobre. Se ne conoscono diverse varietà tra cui il pomodoro ciliegino di Pachino IGP, il s. Marzano (pelato) di Sarnese-Nocerino DOP, il Piennolo del Vesuvio, il Camone di Sardegna, il Piccadilly, il Datterino, il Cuore di Bue, il Ciliegino nero/giallo ecc…

Composizione nutrizionale

Parte edibile (%):100
Acqua (g):94
Proteine (g):1
Lipidi(g):0.2
Colesterolo (mg):0
Carboidrati disponibili (g):3.5
Amido (g):0
Zuccheri solubili (g):3.5
Fibra totale (g):2
Fibra solubile (g):0.37
Fibra insolubile (g):1.67
Alcol (g):0
Energia (kcal):19
Energia (kJ):79
Sodio (mg):6
Potassio (mg):297
Ferro (mg):0.3
Calcio (mg):9
Fosforo (mg):25
Magnesio (mg):10
Zinco (mg):0.11
Rame (mg):0.01
Selenio (µg):2.3
Tiamina (mg):0.02
Riboflavina (mg):
Niacina (mg):0.8
Vitamina A retinolo eq. (µg):610
Vitamina C (mg):25
Vitamina E (mg):

Come si può evincere dalla tabella il pomodoro presenta un alto contenuto di sostanze bioattive ad azione antiossidante (vitamina C), polifenoli (antociani, quercitina, acido clorogenico…) e carotenoidi (luteina, beta-carotene e licopene). La biodisponibilità di quest’ultimo, responsabile del colore rosso del frutto e potenziale protettore contro alcuni tipi di tumore, aumenta, al contrario di quello che in molti potrebbero pensare, con la cottura (anche di 2 o 3 volte!). Una delle tante dimostrazioni del fatto che, anche in campo alimentare, cercare l’equilibrio (in questo caso nel consumo di cibi cotti e crudi) è sempre la strada migliore 😉

Info nutrizionali per porzione

  • Kcal 85.42 kcal
  • Grassi 5.01 g
  • Carboidrati 8.29 g  (di cui zuccheri 6.58 g e fibre 3.02 g) 
  • Proteine 2.55 g

Per la tabella completa visita il mio ricettario Oreegano 

Preparazione: 10 min Cottura: 30 min Pronto in: 40 min

Ingredienti (2 porzioni) 

  • Pomodori maturi 
    500 grammi
  • Olio extravergine di oliva 
    1 cucchiaio
  • Basilico 
    3 foglie
  • Sale 
    1 q.b.

Preparazione

Per prima cosa lavo per bene i pomodori ed elimino eventuali parti rovinate o ammaccate, dopodiché li taglio in 4 parti e rimuovo i semi

Ripongo i pomodori in una pentola e li lascio cuocere a fuoco basso con il coperchio, girandoli di tanto in tanto, finché non saranno appassiti

A questo punto passo i pomodori con il passaverdura

Trasferisco la passata di nuovo in pentola, aggiungo l’olio e il sale e lascio cuocere a fuoco vivace finché non raggiungo la consistenza desiderata

Aggiungo le foglie di basilico solo a fuoco spento 

Se preferite (o se i pomodori utilizzati non sono particolarmente saporiti) potete aggiungere dell’aglio, della cipolla o altri aromi a piacere

Buon appetito!


Le varietà che utilizzo solitamente per preparare il sugo sono: San Marzano, cuore di bue, Pachino, ciliegino e datterino

Lista delle 20 varietà di pomodoro da passata by Gambero Rosso

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e, se volete lasciarmi un consiglio, un feedback o semplicemente fare due chiacchiere lasciate un commento qui sotto, sulla pagina Facebook o sul mio profilo Instagram

Ciao e al prossimo articolo!


Fonti:

nut.entecra.it

bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it

Remigio Baldoni, Luigi Giardini. COLTIVAZIONI ERBACEE: PIANTE OLEIFERE, DA ZUCCHERO, DA FIBRA, ORTICOLE E  AROMATICHE, 2002 Patron Editore

www.gamberorosso.it

Chiara

Chiara

Blogger
Appassionata di alimentazione e benessere
Laureanda in Scienze dell'alimentazione e gastronomia presso l'Università San Raffaele di Roma
Chiara