Quella che vi propongo oggi è una preparazione tradizionale di Carnevale realizzata seguendo la ricetta della mia cara mamma 🙂 Come vedete dall’elenco degli ingredienti bisogna calcolare 1 cucchiaio di zucchero, latte, olio e.v.o. e liquore per ogni uovo e la farina va regolata al momento (ecco perché quel circa 😉 ) in base al grado di assorbimento della stessa.

Ingredienti (2 vassoi)

  • 500 g circa di farina 00
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 3 cucchiai di latte
  • 3 cucchiai di liquore (Mistrà, Sambuca, Rum ecc…)
  • 3 cucchiai di olio e.v.o.
  • 1 cucchiaino raso di lievito paneangeli
  • scorza di limone o arancia a piacere
  • olio di semi di arachidi (per la frittura)

Preparazione

Disponete su una spianatoia la farina a fontana e incorporate rapidamente le uova, l’olio e.v.o., lo zucchero, il latte, il liquore, il lievito e la scorza grattugiata.

Incorporate gli ingredienti con una forchetta facendo movimenti circolari dal centro verso l’esterno, aggiungendo mano a mano farina fino a quando non sarà necessario impastare con le mani.

Continuate quindi ad impastare fino a quando non avrete ottenuto un impasto liscio, omogeneo e non appiccicoso.

Lasciate riposare l’impasto in frigo per 30 minuti coperto da pellicola trasparente.

Stendete l’impasto sulla spianatoia infarinata e tiratelo fino ad ottenere uno spessore di circa 5 mm.

Tagliate quindi la sfoglia ottenuta a striscioline con una rondella dentata da cucina e date loro la forma che preferite

(potete lasciarle così come sono andando semplicemente a forarle al centro con la rondella oppure, dopo averle forate, potete velocemente ripiegare un’estremità delle stesse all’interno del foro creando una specie di fiocco)
Cuocete le vostre frappe in abbondante olio bollente (io di solito uso l’olio di semi di arachidi per friggere), prima da un lato e poi dall’altro, avendo cura di non farle dorare eccessivamente.

Adagiatele quindi su carta assorbente per rimuovere l’olio di cottura in eccesso e servitele poi cosparse di zucchero a velo.

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e, se volete lasciarmi un consiglio, un feedback o semplicemente fare due chiacchiere lasciate un commento qui sotto o sulla pagina Facebook 🙂

Ciao e al prossimo articolo!

Chiara

Chiara

Blogger
Appassionata di alimentazione e benessere
Laureanda in Scienze dell'alimentazione e gastronomia presso l'Università San Raffaele di Roma
Chiara