Dopo l’articolo di ieri, in cui ho inaugurato la rubrica ”100 ricette con le patate”, ho pensato fosse doveroso un articolo totalmente dedicato a questa categoria di alimenti, in cui vi elenco le diverse tipologie di patate più diffuse e i rispettivi usi consigliati.

patatenovelle

Patate novelle: vengono consumate quando il tubero è ancora agli inizi della fase di maturazione. Sono caratterizzate da una buccia fina e facilmente rimovibile e da un’alta resistenza alla cottura. Risultano adatte soprattutto alla cottura in forno, in particolare come contorno ad arrosti di carne.

patata01

Patate buccia gialla e pasta bianca: sono caratterizzate da una polpa chiara e farinosa e da una bassa resistenza alla cottura. Sono ideali per contorni, gnocchi, dolci, sformati e puré, vista la poca tendenza a formare grumi.

patataapastagialla-400x300

Patate buccia gialla e pasta gialla: rappresentano la tipologia più diffusa in Italia. Sono caratterizzate da una maggiore presenza di ß-caroteni rispetto alle altre tipologie di patate, da una polpa compatta e da un’alta resistenza alla cottura. Sono poco adatte ad essere utilizzate come ingredienti, vista l’alta tendenza alla formazione di grumi, ma risultano ottime fritte, al forno e lesse (per la tendenza a trattenere l’umidità).

patate (1)

Patate buccia rossa e pasta gialla: sono caratterizzate da una compattezza simile a quella delle patate buccia gialla e pasta gialla, ma da una maggiore ricchezza di sostanze nutritive, soprattutto nella buccia. Per questo motivo è consigliabile consumarle intere, dopo averle lavate e raschiate per bene con una paglietta da cucina.

patate (13)

Patate dolci: originarie dell’America del Sud risultano le uniche patate qui citate a non far parte della famiglia delle Solanacee. Sono caratterizzate da un’alta presenza di potassio, vitamine A e C e da una minore presenza di amido. A dispetto del loro nome, così come del loro sapore, le patate dolci risultano un alimento più dietetico delle altre tipologie di patate precedentemente citate. In Italia vengono coltivate prevalentemente in Puglia e in Veneto.

Spero che questo articolo vi sia piaciuto e, se volete lasciarmi un consiglio, un feedback o semplicemente chiacchierare lasciate un commento qui sotto o sulla pagina Facebook 🙂

Ciao e al prossimo articolo!

Leggi anche: 

Chiara

Blogger
Appassionata di alimentazione e benessere
Laureanda in Scienze dell'alimentazione e gastronomia presso l'Università San Raffaele di Roma
Chiara

Warning: A non-numeric value encountered in /home/ilpiatt4/public_html/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 353

1 commento