alimentazione macrobiotica

A seguito delle recenti notizie di cronaca che vedono smantellata una ”setta” macrobiotica nelle zone di Ancona (se non sai di cosa sto parlando clicca qui) mi sono ritrovata a parlare con familiari e amici di questo argomento e mi sono resa conto che, sebbene negli ultimi anni la dieta macrobiotica sia in espansione, non tutti ne conoscono i principi fondamentali.

Cominciamo col dire che l’alimentazione macrobiotica (da makros + bios = grande/lunga vita), più che come un regime alimentare, si configura come una vera e propria ”filosofia”, in quanto si propone di realizzare l’equilibrio tra uomo e natura e tra corpo e mente. Di origine orientale, e molto antica, la dieta macrobiotica basa il raggiungimento di questi equilibri nel concetto di Yin e Yang, distinguendo in questo modo cibi acidi-Yin (es. latte o frutta) e cibi alcalini-Yang (es. sale o carne) e la promozione di alimenti considerati ”naturalmente bilanciati” (es. cereali, legumi o semi oleosi).

monaci buddisti

Alimenti consentiti:

vegetali di stagione, cereali integrali cotti, pane lievitato spontaneamente, zuppe di verdura, verdura di stagione cotta (preferibilmente a vapore) o cruda, legumi, tofu, alghe marine, semi oleosi (sesamo, girasole e zucca), miso, olio di oliva o di semi (spremuti a freddo), sale marino integrale e, occasionalmente, pesce magro e yogurt;

dieta macrobiotica zuppa

Alimenti non consentiti:

zucchero bianco (sostituibile con il malto di cereali), alimenti raffinati e trattati industrialmente, carne, salumi, uova, latticini, patate, pomodori, melanzane, bibite dolcificate, caffè, miele, alcolici, aceto, latte e derivati e margarina (vietate sono anche le pentole in alluminio);

dieta macrobiotica

I sostenitori di questo tipo di alimentazione sono fermamente convinti che esso sia utile per mantenere una buona qualità di vita e per la prevenzione di numerose malattie ma, sebbene l’apporto proteico (per lo più di origine vegetale) e l’apporto glucidico risulti adeguato, quello lipidico risulta un po’ scarso e il rapporto tra lipidi saturi e insaturi piuttosto sbilanciato. Questo regime alimentare risulta inoltre carente di ferro, calcio, zinco, vitamina B12 e vitamina D.

Attenzione: le informazioni riportate si riferiscono ai principi della dieta macrobiotica ”originale”. Col tempo alcuni ”angoli sono stati smussati” e in certi casi alcuni dettami, primo fra tutti quello riguardante gli alimenti vietati, divengono meno rigidi, adattandosi allo stile di vita contemporaneo. Alcuni sostenitori di questa tipologia di alimentazione tollerano infatti il consumo, limitato e controllato, di alimenti quali ad es. pesce o uova.

Fonti:

Dietologia – Alimenti, Alimentazione nel sano e nel malato, Integratori alimentari – Zangara, Zangara, Koprivec – PICCIN

alimentazione-macrobioticaSpero che questo primo accenno all’alimentazione macrobiotica ti sia stato utile e, se ti interessa l’argomento, lasciami pure un commento o scrivimi in privato 😉

Al prossimo articolo

Chiara 

 

Chiara

Chiara

Blogger
Appassionata di alimentazione e benessere
Laureanda in Scienze dell'alimentazione e gastronomia presso l'Università San Raffaele di Roma
Chiara